gennaio 29, 2012

è giunta la neve di quest'anno in bassa quota. 
per quel che mi riguarda, l'avevo già vista in montagna, ma arrivando ora mi ha smontato un appuntamento particolare. 
è stata rimandata la presentazione alla fumetteria di milano. con questo tempo ho preferito non arrischiarmi nell'affidare la mia giornata a trenitalia. si sa come finiscono le cose con quell'azienza. 
è stata una giornata immobile.
a parte lo sforzo di andare sul terrazzo a misurare la neve.
abitando in alto, dalla mia visuale, tutto è bianco. il cielo è bianco, i tetti sono bianchi. le strade non pulite e gli alberi.
per questo è immobile.
il bianco è assenza di vita, quando si riflette nel mondo tutto intorno.
mi ritorna alla memoria una canzone... la bianchezza della balena di capossela.


5 commenti:

La Ragazza Banana ha detto...

Ma che carino il vestitino! E' riuscito alla perfezione!

Amore infinito per il disegno. E' davvero bellissimo, complimenti!

Un abbraccio,
Momo.

PS: Non sei obbligata a continuare la catena comunque! :3

Anonimo ha detto...

Già,leggendo quel libro anche io me lo sono chiesta...Forse vivendo determinate esperienze si acquisisce un altro modo di pensare.Certo è che non bisognerebbe crescere così in fretta.Mi piace pensare che oggi lei viva,in un luogo felice,ciò che le hanno tolto anni fa.Evey

Serena ha detto...

Che bello questo disegno!
E anche le stelline del tuo vestito :)
Ammetto di non aver letto "oceano mare", lo guardo sempre ma poi non lo prendo mai ahahahah Rimedierò!
"Seta" l'hai letto?

Buona giornata!
(anche qui sta diventando tutto bianco!*-*)

Thanatos. ha detto...

Scusa il ritardo, ma sono stata impegnata per un bel po' con il mio blog, l'altro, quello che curo di più... e che per l'ennesima volta tornerà ad essere l'unico di cui mi curo, perché altrimenti è veramente ingestibile.

Sì, hai ragione, a volte significa solo prendere strade diverse, ma è doloroso, e dopo tanto tempo che non ci pensavo più, è stato doloroso riaprire quel capitolo. Eravamo molto legati, io e questo mio amico, e non è stato facile sopportare l'idea di essere diventati così diversi, di aver preso strade diverse...

Sì, ho messo un acchiappasogni, che serve sia a scacciare gli incubi, sia ad incanalare i sogni buoni verso la mente del proprietario. E anche se quel sogno mi ha ricordato una persona che mi manca tantissimo e ha riaperto un capitolo un po' malinconico della mia vita, non posso certo dire che sia stato un brutto sogno.

Comunque piacere, sono Alice, di Piacenza :)

Elisa Rocca ha detto...

Lo hai fatto tu quel disegno? Complimenti davvero....

In effetti anche da me è venuta della
gran neve e agli inizi, quando era ancora intonsa, la giudico davvero davvero bella! <3
Poi si è messa a venirne tre metri e ho inziato a non sopportarla più... :D